AllTray: Applicazioni in System Tray con un click


Tweet

Alle volte la barra delle applicazioni è zeppa di programmi che necessitano di essere in esecuzione per svariati motivi, rendendo quindi una vera impresa il riconoscimento delle finestre ridotte ad icona.
Alcuni programmi implementano già la riduzione del programma nella system tray, come aMsn, kMess, Akregator..e diversi altri.
Altri software possono introdurla attraverso l’installazione e la configurazione di un plug-in esterno (vedi Thunderbird ad esempio). E per tutte le altre? Beh, per tutte le altre ho scovato per pura fortuna un programmino di una manciata di Kb che sembra fare proprio al caso di tutti coloro che sono sommersi dalle finestre.
Con pochi semplici e click infatti è possibile far sì che ogni applicazione desiderata si piazzi nella system tray anzichè affollare il pannello del gestore dei processi.
Il suo nome è AllTray, ed è disponibile sia nel repository (stable) che in versione sorgente da compilare (unstable). Sono state entrambe provate, ed eccovi le differenze.

 

VERSIONE DEL REPOSITORY 0.7-STABLE

Questa versione, proprio come dice il titolo del paragrafo, è una versione stabile, e funziona senza nessun problema con Gnome, KDE, XFCE 4, Fluxbox e WindowMaker. Si può scaricare facilmente dal repository o dal sito di PackMan. Le dipendenze riportate da YaST sono le seguenti:

  • libgtop 2.24
  • freetype2-2.3.7-24.2.1.i586
  • xorg-x11-libx11-7.4-1.25.i586
  • zlib-1.2.3-104.137.i586
  • glibc-2.9-2.12.1.i686
  • libglib-2_0-0-2.18.2-5.3.1.i586
  • fontconfig-2.6.0-8.1.i586
  • libgobject-2_0-0-2.18.2-5.3.1.i586
  • libgmodule-2_0-0-2.18.2-5.3.1.i586
  • libgio-2_0-0-2.18.2-5.3.1.i586
  • gtk2-2.14.4-8.7.1.i586
  • pango-1.22.1-2.12.2.i586
  • cairo-1.8.0-15.pm.2.i586
  • libatk-1_0-0-1.24.0-4.1.i586
  • gconf2-2.24.0-2.15.i586

Ora invece passiamo all’uso pratico del del programmino.

Prima di tutto c’è da dire che questa versione stabile è sicuramente più completa della versione in fase di sviluppo. Consultando l’help salta subito all’occhio come le opzioni e le funzionalità possibili siano molte di più rispetto alla versione unstable.

Qualunque sia la tipologia di comando lanciato, la prima volta verrà chiesto da programma di indicare la posizione del tasto di chiusura (X) delle finestre.

Questo perchè con la pressione del tasto X la finestra dell’applicazionenon verrà chiusa, bensì solo minimizzata.

Il modo migliore per eseguire le applicazioni da poter poi ridurre, è quello di lanciare da terminale (supponendo che il programma sia firefox) il seguente comando:

alltray firefox

In questo modo si può notare che sin dall’avvio del browser, ci sarà una sua icona vicino l’orologio.

AllTray - Firefox in system try (V. 0.7.0) | Crismon's Blog

Con un solo click del tasto sinistro su questa icona la finestra di navigazione viene massimizzata o minimizzata. Volendo si può persino implementare questo comando nell’icona di avvio di firefox (o di qualunque altro programma voi vogliate).

Facendo click col tasto destro sull’icona del programma, appare un piccolo menù a tendina che permette di chiudere la finestra, aprirla o nasconderla, oppure sganciarla dal meccanismo di minimizzazione nella tray.

AllTray - Menù di visualizzazione (V. 0.7.0) | Crismon's Blog

Sostando col cursore qualche istante sull’icona, apparirà un fumetto che ci permetterà di sapere di quale programma si tratti.

Se invece vogliamo far scomparire una finestra che abbiamo aperto senza ricorrere all’utilizzo di AllTray, sarà sufficiente premere la combinazione di tasti ALT+F2 e nella finestra di esecuzione del comando digitare:

alltray

Come output si aprirà una nuova finestra azzurra che ci chiederà di premere con il cursore (che ha cambiato forma nel frattempo, assumendo le fattezze di una croce) all’interno del programma di nostro interesse, o di annullare.

AllTray - Cattura il programma ;) (V. 0.7.0) | Crismon's Blog

Piccole features importanti:

AllTray riduce automaticamente l’applicazione lanciata nella system tray nel momento in cui lo avviamo. Per fare si che la schermata ci venga mostrata sarà sufficiente passare un’opzione ad AllTray, trasformando il comando in:

alltray -s firefox

Possiamo anche fare in modo che il nostro programma si avvii in background senza lasciare nessuna traccia visibile del suo avvio col comando:

alltray -nt firefox

e anche far sì che non venga mostrato nella barra delle applicazioni, con il comando:

alltray -stask firefox

Queste le più importanti; c’è comunque a corredo un manuale e un help abbastanza completi.  Passiamo ora alla successiva versione.

 

VERSIONE SORGENTE DAL SITO (0.7.4-dev)

La versione sorgente, che si può scaricare dal sito, è una versione in fase di sviluppo, in previsione della prossima release stabile che sarà la 0.8.0. Questo trunk è stato rilasciato il 4/09/209, mentre le prossime scadenze sono già state indicate nella roadmap, e sono:

  • rilascio versione 0.7.5-dev -> 31/10/2009
  • rilascio versione 0.8.0-stable -> 30/11/2009

Nel frattempo passiamo alla prova di questa versione. Innanzi tutto c’è da precisare che rispetto la versione stabile, questa devel ha bisogno delle librerie libgtop 2.28 per portare a termine la compilazione, e quindi o effettuiamo manualmente il download dei pacchetti necessari, o aggiungiamo il repository che li contiene. Il repo è quello di Gnome Factory; probabilmente chi usa gnome lo avrà già. Per gli altri invece sarà sufficiente dare questo comando:

sudo zypper ar http://download.opensuse.org/repositories/GNOME:/Factory/openSUSE_11.1 Gnome:Factory

e poi installare i necessari pacchetti con il comando:

sudo zypper in libgtop-2_0-7 libgtop libgtop-devel libgtop-lang

Passiamo ora alla compilazione dei sorgenti. Per fare ciò innanzitutto scarichiamo il file compresso da qui, e poi diamo

sudo zypper in gdbm-devel libwnck-devel

per soddisfare le dipendenze (oltre quelle già indicate sopra per la versione precedente).

Per l’installazione vera e propria in rapida successione impartire i seguenti comandi:

./configure
make
make install

A seguito della 0.7.0, il programma è stato completamente riscritto per migliorarne la resa e le capacità, e quindi non ancora tutte le features presenti nella versione stabile sono implementate in questa fase di sviluppo. Ad esempio con quest trunk non possiamo usare il classico pulsante di chiusura (X) per la minimizzazione dei programmi perchè li chiuderebbe anzicchè minimizzarli. Mentre si possono notare piccole migliorie, tra la traduzione del programma. Quando la finestra è minimizzata infatti il menù di gestione di AllTray è sicuramente migliore, anche per quel che riguarda la lingua del sistema.

AllTray - Menù a tendina [Italiano (V. 0.7.4)] | Crismon's Blog

Cambiano anche le modalità per lanciare il programma. Ora infatti da konsole o sempre con ALT+F2 possiamo digitare:

alltray firefox

per avviare lanciare una nuova sessione del browser internet minimizzabile nella nostra tray, oppure:

alltray -p XXXX

per inserire il PID del prgramma già in esecuzione e renderlo così minimizzabile (ricrodiamo che il PID è unico per ogni programma, e si può rintracciare o attraverso la tabella dei processi, top in konsole, o attraverso il comando pidof binary-program).

Mentre per minimizzare una finestra già aperta si deve eseguire il comando:

alltray -a

il cui output è rappresentato da questo avviso, rigorosamente (nel mio caso) in italiano

AllTray - Cattura il programma ;) [Italiano (V. 0.7.4)] | Crismon's Blog

Rispetto alla versione precedente le finestre invece si mostrano direttamente a video. Per avviare il nostro binario nella tray, è necessario invece digitare questo comando:

alltray -H firefox

La versione instabile fa registrare tempi di avvio molto più rapidi rispetto alla versione presente nel repository.

Tirando le somme si può dire che la stable release è sicuramente una certezza, funziona bene con qualunque eseguibile (ho ridotto ad icona persino la konsole durante un mega aggiornamento), mentre la versione in fase di sviluppo riscontra una serie di errori, che talvolta impediscono l’avvio del programma. La versione instabile si è mostrata comunque leggermente più veloce sotto alcuni aspetti, e la sua veste grafica è sicuramente migliorata. Qualche passo avanti è stato sicuramente fatto, ma non è ancora perfettamente consigliabile all’uso. Ideale è invece per chiunque voglia aiutare (con l’invio di bugs, bugfix e altro) l’ unico programmatore attualmente al lavoro, che è alla ricerca di partner con cui portare avanti questo progetto, che sicuramente può dimostrare di essere ottimo e di avere grandi potenzialità!

Articoli Correlati

, , , , , , , ,

Segnala questo articolo: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Facebook
  • del.icio.us
  • Digg
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • OKnotizie
  • Google Bookmarks
  • TwitThis
  • Upnews
  • Segnalo