Belgio: grande boom per OpenOffice


Tweet

Il numero di uffici di pubblica amministrazione in Belgio che utilizza OpenOffice, famosissima suite open source, insieme al formato aperto ODF, è cresciuto e continua a crescere in maniera impressionante.
Per citare un esempio, la OVAM (Public Waste Agency) circa un paio di anni fa si è impegnata al fine di attrezzare il suo back office per il supporto del formato ODF. L’organizzazione, inoltre, attende il permesso da parte del Ministero dell’ambiente per adattare i suoi computer installando OpenOffice. A tale proposito si è espresso Ben van den Brande, rappresentante dell’azienda, il quale ha affermato: "Abbiamo immediatamente riconosciuto i vantaggi dell’ODF".

Altro esempio recente è rappresentato dall’amministrazione della città di Shoten, i cui organi amministrativi da tempo hanno optato per il free-software e dalla scorsa estate hanno deciso di passare definitivamente ad OpenOffice. Il motivo per cui l’adozione dell’ODF è stata a lungo posticipata risiede in pressioni interne ormai scomparse.

Inoltre, la città ha creato una comunità propria di tecnici provenienti da varie città, scuole, aziende nel settore economico ed organizzazioni volontarie per promuovere l’uso del software libero e degli standard aperti.

Il porto di Antwerp ha già iniziato a preparare la migrazione di oltre 1300 compiuter verso OpenOffice, il processo verrà completato a settembre del prossimo anno.

Proprio per facilitare ed agevolare tale sistema, gli impiegati dovranno essere in possesso di tutte le referenze specifiche per l’utilizzo di appositi plugin che permettono la visualizzazione del formato ODF anche su una suite proprietaria come quella di Microsoft.

Altra conquista dunque per l’open source, non possiamo che congratularci con OpenOffice!

Articoli Correlati

, , ,

Segnala questo articolo: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Facebook
  • del.icio.us
  • Digg
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • OKnotizie
  • Google Bookmarks
  • TwitThis
  • Upnews
  • Segnalo

  • SleazyCriss

    MI trasferisco in belgio ahahah. Trovo più scandaloso che una suite office open e free abbia una compatibilità maggiore nei formati che di una a pagamento(e che pagamento). Inoltre lotterei piuttosto per far si che microsoft si attenga agli standard piuttosto che dia la scelta su che browser scegliere.